SottoarpoS

 Chiamatemi Replay.
Scrive cancella e riscrive.
Alle elementari era un po’ il mio incubo, perché essendo mancina (per scelta, ma questa è un’altra storia), nonché impugnando la penna come se volessi accoltellare il foglio (cosa che faccio ancora), mi trovavo sempre mezza frase tatuata sul fianco della mano.
Attualmente è diventato, pare, il mio stile di blogger. Sono arrivata ad un totale di cinque Bozze. Più una serie di articoli cancellati di cui, considerando che ho la memoria effettiva di un pesce rosso, non ricordo il numero. Né il titolo. Né tanto meno di cosa trattavano.
Ogni volta che scrivo, lo faccio come sempre, di getto. Poi rileggo. E tutto mi sembra così distante, estraneo.
È che il mondo sta andando al contrario.
Insomma, il Nobel per la Pace vuole bombardare la Siria!
Non che, nel mio piccolo mondo iperuranio, le cose siano state mai particolarmente, come dire, diritte.
Straight. Che poi, vuol dire tutto, o niente.
Il mio mondo va così, con me che non mi sento più sola, paradossalmente da quando sono single.
Con i nuovi incontri che si rivelano molto più significativi, veri e, soprattutto, sani di amicizie coltivate per un decennio.
E le persone che sento ogni giorno abitano a km e km di distanza, mentre quelle dietro casa non danno segni di vita.
Giorni in cui, per concentrarmi, ho perennemente le cuffiette dell’mp3 (sì, avete letto bene, mp3, non I-melasmangiucchiata) conficcate nel cranio. Mi metto persino a canticchiare sottovoce.
E notti in bianco a sommergere uno sconosciuto di parole, mostrandomi davvero per come sono.
Messaggi di auguri da chi non ti aspettavi più nulla, sia in positivo che in negativo.
Chat frenetiche e quotidiane, tra i due lati del globo, interrotte solo dal fuso orario, cui nemmeno i germi influenzali mi fanno rinunciare.
Il mio mondo virtuale è diventato reale.
Il tutto è abbastanza destabilizzante, vi dirò. Ma assolutamente geniale.
Benvenuta nella tua nuova era, venticinquenne!
3, 2, 1… Pubblica!
Annunci

30 thoughts on “SottoarpoS

  1. Allora, dato che pubblichi un post ogni sei anni, tornerò più e più volte e romperti su questo, distribuendo le cose che voglio dirti, o chiederti. E sì, prendi tutto ciò come una minaccia. 😛

    La prima è una domanda: mancina per scelta? Argomentare, prego…

      • Ok, ho un po’ di problemi con le notifiche, pare…
        Ciemmequ, ero ambidestra. A scuola la maestra mi aveva chiesto con quale mano scrivessi ed io non sapevo risponderle.
        “Allora scegline una”
        Guardando tra i miei compagni, mi ero accorta che nessuno o quasi usava la sinistra. Così per essere diversa, l’ho scelta io..

      • Mh, non so esattamente cosa ho pensato in quel momento. So solo che ho scelto di proposito l’ “altra mano”.
        Ma sono anche una che, tra due bicchieri, sceglie sempre quello sbocconcellato, il libro della biblioteca con la copertina sgualcita e le orecchie alle pagine, il biscotto rotto nel sacchetto, ..
        Non credo insomma che si possa parlare di “anticonformismo”, nel mio caso almeno. E francamente non so cosa sia “mainstream”. Né mi interessa saperlo.

      • Sì, signorina, questa sessione si svolgerà online. Per la fase finale, se ce la farà, dovrà recarsi presso le nostre sedi.

      • Uh, la sede non è a Honolulu, per caso, vero?!
        Nel frattempo cerco di aprire il tuo ultimo post, ma wordpress non collabora..

      • Roma, signorina, un classico. Gli esami finali, si sa, si svolgono sempre a Roma. (Ora sto sognando Honolulu, maledizione!). (Non riesci? Strano, hanno appena commentato…)

        Comunque, non mi distragga, vediamo… “E le persone che sento ogni giorno abitano a km e km di distanza, mentre quelle dietro casa non danno segni di vita.”

        Dunque, per caso dietro casa sua c’è un cimitero, signorina?

      • Roma è comunque una bella città
        (Chi non sognerebbe Honolulu?! )
        (Mh, tra poco riprovo)

        No, nessun cimitero. In quel caso avrei un via vai di vecchiette infinito.. altro che “movida”.

      • Sì, stranamente è sopravvissuto. Ma l’esperienza deve avergli dato alla testa perché continua ad andare incontro a nuovi tsunami.. remando con parole sue.
        È un po’ meno “sconosciuto”, ormai.

      • Bene, era questo che volevo sapere. Quindi, lei, è meno nociva di quel che vuole far credere, un classico.
        Nemmeno io possiedo nulla marchiato apple, un classico.
        Anche io trovo geniale una certa parte di virtuale, un classico.
        Amo Pirandello, eh, un classico.
        Dopo le medie ho optato per uno scientifico, invece che per un classico.

      • Amo Pirandello anch’io. Ma ho scelto il classico.. Non ho mai apprezzato particolarmente la matematica, questo il motivo principale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...